ciborama


a landscape of edibles

Whether we live to eat or eat to live, there is no denying that food is both substance and sustenance. The transformation of ingredients into food has been central to culture and history, but today, our experiences of eating are homogenized largely because agriculture and the making of food have become industrialized. Food is now a replicable consumer product.

Creating Ciborama was a way of exploring the meaning of food and the process of eating. Locally sourced and imported ingredients, as well as readymade foods, were used to create an edible model of the landscape consisting of different courses from appetizers to dessert with influence from other cultures.

Participants were invited to share the meal and as eating began, stories of the origins of the food and their significance was discussed, revealing the process to be layered with cultural assumptions. At the end the participants observed the ruined landscape of the model as a final reminder of the creative and destructive aspects of eating.
un paesaggio di commestibili

Sia che viviamo per mangiare o che mangiamo per vivere, è innegabile che il cibo sia sostanza e nutrimento. La trasformazione degli ingredienti in alimenti é stata fondamentale per la cultura e la storia, ma oggi, le nostre esperienze del cibo sono omogenee soprattutto perché l'agricoltura e la fabbricazione di cibo sono industrializzate. Il cibo adesso è un prodotto ripetibile, un bene di consumo.

La creazione di Ciborama é stato un modo per esplorare il significato del cibo e il processo del mangiare. Ingredienti locali e importati, ed anche cibo pronto, sono stati usati per creare un modello commestibile del paesaggio, che consiste in piatti diversi fra antipasti e dolci con l'influsso di diverse culture.

Abbiamo invitato dei partecipanti a condividere il pasto e quando abbiamo cominciato a mangiare, al tempo stesso, abbiamo discusso le storie delle origini dei cibi e i loro significati, che hanno rivelato che il processo del mangiare é stratificato a supposizioni culturali. Alla fine i partecipanti hanno osservato il paesaggio del modello rovinato per ricordarsi degli aspetti creativi e distruttivi del mangiare.

Food installation
250cm x 150cm x 35cm (approx)
2009

Sun 13 Dec 2009
1300-1700 hrs

Venue
Officina Zone Umane
Largo Moricone, 1
02033 Monteleone Sabino (RI)
+39 0756 88 27
www.ozu.it
info@ozu.it

Documentation
Camera Chiara

Translation
Sara Florian (Ph.D.)

Special thanks
Enrico Blasi, Paola Simoni, Liron Kahana, Giacomo Tringali and the staff of OZU



;